Alta Valsugana: a pagamento plastica, sacchetti bio e altro di G.ppe Resta

Massimo Centemero

E' notizia recente che AMNU ha invitato i cittadini dell'Alta Valsugana

a non riutilizzare per l'umido i sacchetti biodegradabili obbligatori da inizio anno. 

Non sono compatibili con l'impianto di trattamento di Cadino perché si degradano troppo lentamente.

La notizia non è un pesce di aprile!

Ricapitolando: siamo obbligati a pagare dei sacchetti biodegradabili per poter comprare frutta e verdura, ma una volta utilizzati devono essere trattati come rifiuto indifferenziabile, peggio della plastica insomma...

Questa limitazione vale per AMNU, ma ci chiediamo se sia solo l'Alta Valsugana a conferire l'umido a Cadino...

A questo punto ci dovrebbero spiegare a cosa servono, al comune cittadino, i sacchetti cosiddetti biodegradabili...

La risposta arriva da Massimo Centemero, direttore del Consorzio Italiano Compostatori (CIC): in una intervista al giornale La Stampa ha dichiarato che i sacchetti obbligatori dal 2018 sono biodegradabili, compostabili e compatibili con il sistema impiantistico nazionale.

Chiaro o no? No!

Giuseppe Resta
Agire per il Trentino

 

 

 

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.