Apocalisse – Parte Seconda

conflitto nucleare

Dicevamo dell’altra parte dell’Atlantico, cioè gli States,

e qui, a novembre del 2016 si sono tenute le elezioni presidenziali, e Donald Trump per una manciata di voti è riuscito a battere la Clinton, dissanguata dalla lunga contesa elettorale con il democratico Sanders.

Le conseguenze non si sono fatte attendere.

Trump è partito subito all’attacco della riforma sanitaria di Obama, smantellandola completamente; in questo ha avuto buon gioco , dando in contropartita una drastica riduzione delle tasse, argomento cui gli americani sono molto sensibili. 

In poco tempo, migliaia di persone si sono viste rifiutare le cure ed è scoppiato il malcontento, che ha assunto la connotazione della rivolta civile.

Peraltro la maggior parte degli esclusi, la parte più povera della popolazione era sostanzialmente quella afroamericana, e quindi si può parlare di disordini razziali.

Contemporaneamente sono state emanate misure restrittive proprio nei confronti della popolazione di colore, cui è stato sbarrato anche l’accesso alle scuole superiori, lasciate riservate ai bianchi.

Altri drastici provvedimenti sono stati presi , come già annunciato in campagna elettorale, nei confronti dei musulmani, che si sono visti non rinnovati i permessi di soggiorno.

Anche nel campo della produzione di energia Trump ha apportato notevoli cambiamenti: via le energie alternative, largo a nuove trivellazioni ,in particolare nei ghiacciai dell’Alaska, e ad estrazioni selvagge col sistema del fracking, che si teme possa recare danni all’assetto sismico del territorio.

In politica estera, si è proseguita la lotta all’immigrazione, in particolare dal Messico, lungo i cui confini è stata schierata la Guardia Nazionale.

Ma assai preoccupante appare il deterioramento del rapporto con Cuba, verso la quale sono state reintrodotte le sanzioni ; inoltre sembra che Trump abbia deciso di allargare progressivamente l’area di Guantanamo.

Ma l’episodio forse più grave è stato il dispiegamento della flotta USA a ridosso della Corea del Nord; misteriosamente , proprio in corrispondenza di queste manovre, il dittatore nord coreano è rimasto vittima di un attentato, pare forse ad opera di un drone partito da una nave.

La situazione appare molto confusa e i vertici militari nord coreani parlano di gravissima provocazione, e minacciano ritorsioni.

La Russia di Putin continua a far sentire il peso delle sue minacce, anche se ,proprio agli inizi della primavera del 2018 si è trovata impegnata su più fronti: la guerra scatenata dall’Ucraina, il rinnovato terrorismo ceceno, con il  clamoroso attentato al parlamento russo, e la logorante guerra in Siria, nella quale Assad ha richiesto un impegno crescente per debellare definitivamente i ribelli.

Un altro scenario drammatico è quello cinese;

la Repubblica Popolare Cinese sta crollando sotto il peso dei sue quasi due miliardi di abitanti, e sotto gli avvelenamenti di massa prodotti dal crescente inquinamento; si hanno notizie di rivolte continue che il partito non riesce più a controllare, e la popolazione in molti casi è ridotta alla fame; addirittura si è parlato di casi di cannibalismo nelle regioni centrali del paese.

Come se non bastasse la situazione politica generale, il pianeta sta soffrendo per il surriscaldamento : negli ultimi due anni la temperatura media è salita di due gradi; i ghiacciai del Polo Nord hanno avuto un arretramento di circa il 20%  , lo strato di ozono ,che difendeva il pianeta Terra dai raggi Uv si è ulteriormente assottigliato; di conseguenza i casi di tumore stanno aumentando in maniera esponenziale.

Prosegue di pari passo la desertificazione delle aree coltivabili e la distruzione delle foreste tropicali, bruciate per far posto a colture tipo la palma da olio.

Ormai anche nei paesi più ricchi il cibo comincia a diventare genere di lusso e i governi stentano a provvedere ai bisogni primari della popolazione.

E in molti stati si comincia a discriminare il diritto alle cure sanitarie.

La situazione, spiace dirlo, è sfuggita di mano e gli osservatori internazionali cominciano a temere che possa facilmente scatenarsi una crisi che potrebbe sfociare in un conflitto nucleare.

Che Dio ci salvi!

Biagio Ciardiello

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.