Il peto

Pasta e fagioli

Ho un “amico”, attento osservatore quasi al limite del “voyeurisno” culturale, molto critico ma sostanzialmente di buone maniere, che in questo periodo di “nefasta” congiuntura fra politica/religione/economia, è sovente postare su FB i suoi scritti, che immancabilmente iniziano con parole ricche di grande “speranza”: “Siamo nella merda…” per poi andar giù con sue personali elucubrazioni sui fatti e misfatti attuali.

A onor del merito, tutti i torti non ha, anzi spesso la ragione è dalla sua, purtroppo. Tenendo presente anche l’aria (ed è il caso di dire) che si respira, in tutto il globo terracqueo, vorrei dedicare a lui in primis e agli altri poi, questa simpatica e goliardica poesia dello scrittore/poeta e compositore napoletano Ferdinando Russo, artista contemporaneo del maestro Eduardo De Filippo e del grandeTotò.

Per far piacere ai tanti acculturati troverete di Ferdinando Russo anche una sua brevissima biografia a fine pagina. Per la cronaca, la poesia in questione è stata interpretata, anche in tempi più recenti, dal celebre attore-cabarettista napoletano Carlo Giuffrè.

Avviso per ai tanti“puritani”, di non scandalizzarsi perché già dal titolo si intuisce di cosa si andrà a leggere, per facilitarne la lettura e apprezzarne il “contenuto”, ho pensato bene di proporvela prima in italiano e poi in dialetto “lingua” napoletana.

Siete pronti? Ok, partiamo subito, il titolo: IL PETO - ’O PIRETO.

“Il peto”

Ditemi pure: porco
Ditemi: sei fetente!
ma io, quando scorreggio,
ne godo veramente.

Se mangio pasta e ceci
e di fagioli un po’
e un piacere ascoltare
come canta il popo’.

Magari è un brutto vizio,
ma, al fin, chi non lo tiene?
Anzi, povero sciocco,
chi il peto si trattiene.

Vi sfido, contradditemi,
anche senza rumore
diventa divertente
sentirne un po’ l’ odore.

E’ questa un’ abitudine
diffusa in ogni ceto;
solo i signori, i nobili,
si trattengono il peto.

Se uno, per esempio,
ha un forte mal di pancia,
gli passa tutto e subito
se due scorregge sgancia.

Scaricare dal culo
guarisce tutti i mali:
e un peto, certe volte
ti mette su: le ali.

Se questo non lo fai
la pancia, grossa e goffa,
appesterà l’ ambiente
scaricando una loffa.

E questo, è quel motivo,
chi lo trattiene è fesso:
tanto è lampante e logico,
che al fin puzza lo stesso.

E’ un vizio ereditario,
di far col culo tromba,
papà faceva un peto
più forte di una bomba.

Lo giuro e non esagero
che una volta, ricordo come adesso,
abbattette la tavola
e spaccò pure il cesso.

Poi, mi diceva: è inutile,
la scorreggia è fetente:
la puzza è micidiale,
se sganci lentamente.

C’ è chi fa la battuta,
che il peto tuo è appestato,
che è andato militare
e che l’ hanno cacciato …

allora tu ne scarichi
uno “fenomenale” …
e allora puoi gridargli: - Tie’!
Questo è un generale!
'O pireto

Chiammàteme nu chiàveco,
chiammàteme fetente;
ma si faccio nu pireto
ne godo overamente.

Si magno pasta e ccicere,
nzieme cu dduie fasule,
è nu piacere a ssèntere
comme scrurreggia 'o culo.

Sarrà nu brutto vizio;
ma chi è ca nun 'o tene?
Anze, è 'o cchiù fesso 'e ll'uommene
chillo ca s' 'o mantene.

Ve sfido a contraddirmelo
ca, si nun fa rummore,
ve fa piacere 'e sèntere
'o ppucurillo 'addore.

E tutte quante, in genere,
ne fanno grande abuso;
sulo 'e signure nobbele
s'appilano 'o pertuse.

Si uno, per esempio,
tene delure 'e panza,
facenne quatto pérete
fernesce ogne lagnanza.

Appena 'o culo scàrreca
te passa tutt''o mmale,
e puose cu nu pireto
'o piso 'e nu quintale.

Si chesto nun succede,
'a panza cchiù s'abboffa
e fai na puzza seria:
se scàrreca na loffa.

Percio' , chi affoca 'o pireto
è proprio 'o rre d''e fesse,
perché 'a puzza, è logico,
se sente sempe 'o stesso.

E vizio ereditario
ca tengo da guaglione;
papà faceva 'o pireto
chiù forte 'e nu cannone.

V''o ggiuro, nun esàggero,
ca na vota, cacanno,
papà schiattaje nu càntero
e s'abbuccaje nu scanno.

E me diceva: -E inutile,
'o pireto vo' 'o sfoco:
'a puzza è chiù terribbele
si 'o caccie a poco a poco.

Te ponno pure dicere
ch'è pireto malato,
ch'è ghiuto int''a milizia
e ll'hanno rifurmato.

Ma quando tu lle scàrreche
nu pirete che vale
allora lle puo' dicere:
«Chisto è nu generale»

Biografia di Ferdinando Russo,  sopranominato dalla critica del tempo: “L’eterno fanciullo”.  Figlio di Gennaro, ufficiale del dazio, e di Cecilia De Blasio, non completò gli studi ed entrò come correttore di bozze alla Gazzetta di Napoli, fondando nel 1886 Il Prometeo, un periodico letterario e poi, abbandonato il giornale, entrando a lavorare al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Si impose come giornalista per la vita quotidiana della città, che descrisse nei suoi articoli oltre che nelle sue poesie, ma ebbe successo anche nel mondo della canzone prima come autore di svariate macchiette come 'O cantastorie e L'elegante, (quest'ultima interpretata dal cantante molto in voga in quel periodo, Nicola Maldacea) e poi raggiungendo la celebrità con la canzone Scetate (1887).

Avviò una proficua collaborazione con alcuni musicisti come Mario Pasquale Costa, Salvatore Gambardella, Rodolfo Falvo, Vincezo Valente ed Emanuele Nutile, con i quali produsse canzoni napoletane di successo come Mamma mia che vuò sapè, Serenata a Pusilleco, Tammurriata Palazzola. Non andò mai d'accordo con Salvatore Di Giacomo del quale fu anzi rivale, fu criticato sovente da Benedetto Croce, ma ammirato da Giosuè Carducci che volle incontrarlo nel 1891 a Napoli.

Nel 1902 sposò a Bologna Elisa Rosa Pennazzi, ma il matrimonio, anche a causa della ossessiva gelosia della donna, naufragò. Tra le sue raccolte poetiche vanno ricordate, in ordine di pubblicazione: Poesie napoletane (1910), Villanelle napoletane (1933) e la postuma Suspiro 'e Pulcinella. Morì nel 1927 nella sua casa di Via Cagnazzi, mentre scriveva i versi di una nuova canzone napoletana.

Nonostante i contrasti avuti in vita, alla sua morte apparirono a firma di Salvatore Di Giacomo su "il mezzogiorno", quotidiano napoletano, queste commoventi battute " O mio caro, amatissimo Ferdinando, addio dunque: addio, fratello mio generoso e buono; addio, sincero amico, eterno fanciullo a cui sorrise l’eterna poesia." (fonte Wikipedia). 

Avacal

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.