Cia (AGIRE): la fatica d'integrarsi

colore

Ancora proteste, ancora rabbia, ancora sconcerto che vedono su fronti opposti richiedenti asilo e cittadini del Trentino.

I primi chiedono di essere inseriti in appartamenti anziché in camere con otto posti letto, cibo migliore, riduzione dei tempi d’attesa per l’esame delle pratiche che riconosca a lorolo stato di rifugiato, ecc...; i secondi non capiscono cosa ancora questi profughi possano pretendere oltre a quanto già viene loro assicurato: un tetto, un letto, vestiti, corsi di lingua, e altre possibilità.

Di certo questo ennesimo episodio, che vede in “rivolta” dei richiedenti asilo, prova che i soggetti deputati alla loro accoglienza e integrazione non sono all’altezza del compito affidato.

Hanno fallito perché non hanno saputo accompagnare questi soggetti alla comprensione della vera realtà vissuta dal nostro territorio che non è quella che evidentemente immaginano di un paese del bengodi, ma un territorio che vede tanti nostri cittadini non riuscire a pagare le utenze, vivere lo sfratto, mangiare alle mense per poveri, riannunciare alle cure mediche perché non ci sono soldi neppure per un ticket e così via.

Qualcuno dovrebbe dire a loro che anche all’ospedale S. Chiara ci sono persone costrette a vivere incamera con sei posti letto - non di rado occupate da pazienti di entrambi i sessi - e che pure lì bisogna accontentarsi del cibo che arriva.

Eppure queste dimostrano una grande pazienza e una notevole capacità di adattamento nonostante siano provate dalla malattia e dalle tante preoccupazioni che ad essa si accompagnano.

A questi richiedenti asilo ci siamo preoccupati di assicurare di tutto e di più, ma ci siamo scordati di immergerli nella nostra vera realtà.

Cons. Claudio Cia - AGIRE -

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.