Claudio Cia, risponde al dott. Claudio Ramponi

Tenda

Rispondo al dott. Claudio Ramponi del dipartimento dell’Emergenza dell’ospedale S. Chiara di Trento, 

secondo il quale le parole contenute nella mia interrogazione “sono offensive e una mancanza di rispetto nei confronti del personale del reparto che lavora con grande professionalità e dedizione”. 

Presumo che abbia commentato senza neppure conoscere il contenuto del mio atto politico che non solleva dubbi e non pone interrogativi sulla professionalità di OSS, infermieri e medici.

Se non fosse così, sarebbe in malafede.

Ciò che il mio intervento ha voluto portare all’attenzione della politica è che parliamo tanto di riorganizzazione sanitaria e siamo ansiosi di costruire un nuovo ospedale dal costo esorbitante di centinaia e centinaia di milioni di euro, ma non siamo capaci di predisporre spazi idonei per i pazienti che vivono il dramma del “fine vita”.

Meraviglia che, da una parte il primario mi attribuisce intenzioni e parole non contenute nell’interrogazione; dall’altra riconosce la criticità da me sollevata dal momento che è proprio lui a dichiarare che: “se avessimo a disposizione stanze singole per esigente specifiche il problema non si porrebbe …”.

Quindi, il problema c’è!
Questo intendo quando parlo di “struttura sanitaria così disumanamente disorganizzata”.
Dunque, non mi sono occupato di cose campate in aria o detto falsità.

Il primario vanta che nessuno si è mai lamentato per questo grave limite, ma io ho altri riscontri e, comunque sia, è bene si sappia che non di rado il silenzio è un modo di indignarsi portato avanti con altri mezzi.

Vede, caro dott. Ramponi, io mi sono fatto portavoce di questa indignazione, l’ho fatto ora, ma le assicuro che avrei potuto farlo tante altre volte con storie simili.

Se non se n’è parlato prima, non è un buon motivo per negare la necessità e l’urgenza di affrontare, ora, un’esigenza che è propria della natura umana, perché la privacy rimane uno dei requisiti fondamentali della vita anche quando si sta spegnendo …
E per vederla ottemperata non basta una tendina.

Una sanità autoreferenziale non serve a nessuno.

cons. Claudio Cia

 

Noi di edico-lando.it, diamo la possibilità a chiunque voglia esprimere la propria opinione, purché questa avvenga con rispetto ed educazione, indistintamente! 

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.