Rush finale per il Tatikakeya nel contest di Italiaatavola.net

Nicola Libardi

VALSUGANA – Mancano pochi giorni al verdetto finale, ma il barman di Levico Terme è sempre in testa.

Gian Nicola Libardi è un barman per passione da quando aveva 20 anni, ma da qualche anno ha raggiunto un livello professionale che lo associa ai più grandi maghi dei cocktail in Italia.

È titolare di un locale dal nome strano, - sembra che sia in questo modo che una cuginetta da piccola chiamava Gian Nicola - il Tatikakeya di Calceranica al Lago, da dietro il bancone del quale è rimbalzato sul palcoscenico nazionale grazie a un sondaggio promosso dalla rivista “Italia a Tavola” che si occupa di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità e che ha organizzato un sondaggio tra i migliori cuochi e pasticcieri, Opinion Leader, Maitre e Sommelier e, appunto, Barman d'Italia.

Gian Nicola, dopo 6 settimane di votazioni, risulta in testa con 3837 voti, distaccando il secondo tra i 36 candidati, Flavio Angiolillo del Mag Café di Milano, per quasi 850 preferenze. Dal momento che manca poco al termine del sondaggio, si potrà votare per il personaggio dell'anno sul sito italiaatavola.net fino alla mezzanotte di domenica 24 gennaio, c'è una grossa probabilità che la nostra regione si porti a casa questo prestigioso riconoscimento che verrà consegnato in un'apposita cerimonia presso il Grand Hotel Baglioni di Firenze, un tempo residenza dei Principi Carrega Bertolini.

«Collaboro da due anni con il Bar Giornale – dice Gian Nicola - come componente del DrinkTeam che ogni mese prepara un articolo con delle ricette di drink e mi sono preso il compito di promuovere i buoni prodotti del Trentino Alto Adige per una cultura del bere che punta alla qualità e al gusto che un pubblico adulto (non solo per l'età) può essere educato a ricercare.

Il progetto che quest'anno sto portando avanti sul campo in collaborazione con alcune grandi aziende si chiama “Notti Distillate”. Con i nostri migliori prodotti sono presso i migliori locali d'Italia a proporre una DrinkList di cocktail ai clienti che davvero si mostrano sempre molto interessati ad approfondire la conoscenza del mondo dei cocktail e a discutere di dettagli tecnici poco conosciuti o generalmente male interpretati».

Qualche esempio? «L'Hugo Spriz non vuole il Lime e il ghiaccio è l'ingrediente principale di un buon drink, ma spesso la gente pensa che li si voglia fregare sulle dosi mettendo molto ghiaccio il che è del tutto falso dal momento che ogni cocktail ha le quantità ben stabilite per ogni ingrediente».

E in Trentino come stiamo a cultura del bere? «È molto raro trovare un drink “canonico” servito presso i locali trentini, c'è molto da lavorare in questo senso, ma negli ultimi anni c'è stato come un boom di proposte culturali che stanno alzando l'interesse per il buon bere che, ripeto, è nella direzione opposta della ricerca dello sballo e del bere per dimenticare.

Chi entra in questa cultura impara a cogliere tutte le potenzialità e la ricchezza che nell'incontrarsi tra persone, nei nostri momenti di socializzazione, sono veicolate da un buon drink e dalla sua conoscenza». Gian Nicola dimostra meno dei suoi 40 anni ma, se assieme a lui concorrono per la loro categoria chef di prestigio come Antonino Cannavacciuolo o lo Chef Rubio, forse una qualche considerazione da parte del pubblico trentino se la merita.

Che dire gente? Votate, votate, votate!

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.