Happy Trentodoc: Trento brinda ai prodotti di montagna

Strada

Esclusivi aperitivi 100% trentini con alcune delle più note etichette di metodo classico trentino in abbinata a specialità del territorio, 

tra salumi, formaggi e prodotti ittici.

Trento, 10 novembre 2016 - Dal 19 novembre all’11 dicembre le bollicine di montagna "invadono" bar e ristoranti  della città di Trento.

Torna infatti anche quest’anno Happy Trentodoc, l’iniziativa che la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino organizza nell’ambito della dodicesima edizione della tradizionale kermesse Trentodoc bollicine sulla città, a cura dell'Istituto Trento Doc e Camera di Commercio I.A.A. con il supporto della Provincia Autonoma di Trento.

Per celebrare al meglio questo straordinario metodo classico, a fianco delle degustazioni e dei seminari in programma presso Palazzo Roccabruna, Enoteca Provinciale del Trentino, delle iniziative in cantina e presso il Muse-Museo delle Scienze, in 14 locali e ristoranti della città verranno infatti proposti stuzzicanti abbinamenti tra Trentodoc ed eccellenze gastronomiche 100% trentine.

Ogni location sarà associata ad una diversa casa spumantistica e ad un particolare prodotto gastronomico: l’Antica Trattoria Ai Tre Garofani con l’Azienda Agricola Letrari di Rovereto e i prodotti ittici dell’Azienda Agricola Troticoltura Armanini di Storo; l’Antica Trattoria Al Volt con la Ferrari Fratelli Lunelli e i formaggi di Casearia Monti Trentini di Grigno; l’Antica Trattoria Due Mori con l’Azienda Agricola Balter di Rovereto e i salumi di Carni e Salumi Troier di Lavis; il Bar Pasi con l’Azienda Vinicola del Revì di Aldeno e i salumi di Salumeria Belli di Trento; il Caffè Tridente con l’Azienda Agricola Moser e i formaggi di Latte Trento; Dolcemente Marzari con Maso Martis di Trento e i dolci di Pasticceria Marzari di Altopiano della Vigolana; Il posto di Ste con Borgo dei Posseri di Ala e i salumi di Macelleria Cis di Ledro; Nicky’s Vintage con Opera Vitivinicola in Valdicembra di Giovo e i formaggi e i salumi di Crucolo di Scurelle; Osteria a “Le Due Spade” con Cantina Mori Colli Zugna e i formaggi di Caseificio Sociale di Sabbionara di Avio; il Ristorante Al Tino con Rotari di Mezzocorona e i salumi di Macelleria Zanotelli di Cembra Lisignago; il Ristorante al Vò con Cantina Roverè della Luna Aichholz di Roverè della Luna e i prodotti ittici di ASTRO – Associazione Troticoltori del Trentino di Lavis; il Ristorante Enologico Il Libertino con Cantina Rotaliana di Mezzolombardo e i salumi di Carni e Salumi Meggio di Grigno; il Ristorante Old Bar & Food con Altemasi di Trento e i prodotti ittici di Trota Oro di Preore; TJ Bar con Fondazione E. Mach – Istituto Agrario di San Michele a/A e il pane di Panificio Moderno di Isera.

Con questa iniziativa, che coinvolge una quarantina di associati alla Strada, tra bar, ristoranti, produttori gastronomici e di Trentodoc, – dichiara Francesco Antoniolli, Presidente della Strada del Vino e dei Sapori del Trentinoproponiamo a chi visita la città di Trento un vero e proprio viaggio di gusto alla scoperta delle nostre bollicine di montagna in 14 imperdibili tappe.

Un’occasione unica per esplorare le molteplici sfumature di alcuni dei nostri più apprezzati Trentodoc”.

Tutti i dettagli sul sito web della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino.

#happytrentodoc

Per ricevere ulteriori informazioni:

Ufficio stampa Strada del Vino e dei Sapori del Trentino

Stefania Casagranda |393 9994515

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.