Primo Maggio a purtedda da ginestra

Primo Maggio

Nun c’era nenti di mangiari

Ma alla festa ci dovevamo andare,
Parrustiri ficimu na culletta da simana
E la carni l’accattammui a la chiana,
Quattru favuzzi un bastiddunu di pani
tanta vogghia di cantari e ricuminciari.

Primo Maggio a Portella Della Ginestra
Non c’era niente da mangiare ma alla festa ci dovevamo andare, per arrostire abbiamo fatto una colletta con il salario e la carne a Piana Degli Albanesi siamo andati a comprare, quattro fave un filone di pane e tanta voglia di cantare e ricominciare.

Pripara i picciriddi fozza Margherita
la strata è longa e tutta insalita!
Cumpari turiddu a la festa vuliti iri?
Fra pocu chiovi chi fa nun lu viri…!
senza la mattula e Lu spiritu appressu?
Ma si la vipira mi punci è lu stessu!

Prepara i bambini forza Margherita la strada è lunga e tutta in salita! Compare Turiddu alla festa volete andare? Non vedete che tra poco piove…! Senza cotone idrofilo e alcool etilico dietro? Ma se una vipera mi morde è lo stesso!

Tale si vidinu li banneri a culuri…
Che bedda me muggheri
Assimigghia a nu prufumatu ciuri!
Cu da vesta ianca e la so passioni
Mai pari stanca pi fari l’amuri
A son e sirinata e na canzuni!

Guarda si vedono le bandiere a colori… Che bella mia moglie somiglia a un profumato fiore! Con quel vestito bianco e la sua passione non sembra mai stanca per fare l’Amore a suon di serenata e una canzone.

A un certu puntu parrava l’uraturi
Si ntisi un fracassu un granni rumiri,
li fochi d’artificiu papà chisti su pi la festa!
Quali, quali figghiu miu…
chisti spari su oh papà abbassa la testa!
La vesta bianca si tinciu di russu
Papà, Puru lu cavaddu ciuncatu e succussu;
Lassa iri figghiu pi lu cavaddu è lu stessu
Ma to matruzza, è motta! È di gessu!

Madre mortaA un certo punto parlava l’oratore si è sentito un gran fracasso un grande rumore, i fuochi d’artificio papà questi sono per la festa! Quale quale figlio mio… questi sono spari a papà abbassa la testa! La veste biaca si tinse di rosso papà, pure il cavallo ferito e soccorso; lascia stare figlio mio per il cavallo è lo stesso ma la tua mammina, è morta! È di gesso!

Li picciriddi a vidirisi la matri pi terra
Capirunu ca la festa si tramutò in guerra,
tuttu successi pun pezzu di prumisu pani
Povira genti malitrattata e morta di fami
Fossi, fossi quaccunu chi u sapia…?
A ogni casu si fici i fattuzzi soi...
Chi brutta storia ancora ni voi?!
la festa du primu maggiu si doveva fare
tutti a purtedda da ginestra dovevano andari.

I bambini a vedere la madre per terra capirono che la festa si era tramutata in guerra, tutto successe per un pezzettino di pane promesso povera gente maltrattata e morta di fame. Foese qualcuno sapeva, chi sa? In ogni caso si fecero i fatti suoi… che brutta storia ancora ne vuoi?! La festa del primo maggio si doveva fare tutti a Portella della Ginestra dovevano andare.

Maria Rosa Rosato

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.