Mare mosso

Mare mosso

Urla, volteggia il mare, con le sue onde blu notte

Con la sua onda verde marina

trasporta la sua sabbia cristallina!

Senza una  meta senza più rotte

La Iside del mare, Regina della notte!

 

Vorrei come il mare leggiadra volteggiare

Per poter  senza pretese  tanto ”Amore” erogare!

E come il mare in tutta la  sua maestà

Aver rispetto per "l’umanità”;

 

Invece sono qua quasi impaurita

Come una bambina sulla spiaggia infinita;

Che  corre tra le braccia del suo papà

che da sempre rincorre poi... Chi sa?

 

Il canto  abissale inquieto  la spaventerà

Le sue  giganti onde  come cavalli al galoppo

portando via con se il ricordo di un tocco

L’eterna  giovinezza ed un caldo  bacio

 donato tra le vette del ”Caucaso”!

 

 Era il bacio rubato al sol leone, di un  tempo felice

quando dentro gli occhi brillava la luce

se bastasse una carezza, quel bacio a ridare al mondo la pace!

 

Era luce di speranza, in un mediterraneo da  contemplare

L’Ondeggiar  dei biondi capelli da baciare

   per innamorarsi bastava un niente

  tra gli occhi indiscreti della gente!

 

Eppur IO ti ricordo 

 Mitico come gli affreschi di Cnosso 

trasportami con te oH mare mosso!

                                                                                  Maria Rosa Rosato

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.