Artificieri dell'Esercito concludono l'Operazione Brixina

approccio al primo ordigno

Bressanone, oggi 20 novembre, gli artificieri del 2° reggimento genio guastatori alpini di Trento

dell’Esercito, coadiuvati dai colleghi del 15° CE.RI.MANT. di Padova (Centro Rifornimenti e Mantenimento), hanno neutralizzato due bombe d’aereo da 1000 libbre, rinvenute durante i lavori di un cantiere edile nella zona industriale cittadina, terminando con successo l’Operazione Brixina.

Si è trattato di un intervento complesso e delicato, in considerazione della posizione ravvicinata dei due ordigni, collocati a qualche decina di metri dall’asse autostradale, ferroviario e della strada statale del Brennero, nelle immediate vicinanze di importanti infrastrutture dedicate a servizi essenziali a favore dei cittadini, garantiti comunque grazie ad adeguati apprestamenti del sito ed idonee misure di sicurezza.

L’operazione ha avuto inizio alle ore 06:00 con l'evacuazione della cittadinanza dalle aree a rischio e la chiusura del traffico transfrontaliero.

Sono seguite, alle 08:00, le fasi di approccio agli ordigni che, una volta privati degli insidiosi inneschi, sono stati trasportati in sicurezza presso un idoneo sito, per essere definitivamente distrutti.

La conclusione delle operazioni di despolettamento è stata ufficialmente dichiarata alle ore 10:53, dai guastatori della Brigata alpina JULIA, con la conseguente riapertura di tutto l’asse viario per il Nord Europa ed il rientro della popolazione alle proprie abitazioni, in tal modo, poco dopo le ore 12:00, la città di Bressanone è tornata nuovamente priva di pericoli.

Circa 1000 i cittadini evacuati, residenti nella zona rossa (comprendente un raggio di 11:00 metri dal sito di ritrovamento), mentre circa 16:00 sono stati i cittadini vincolati a rimanere al riparo nelle loro case, nella zona gialla (compresa tra i 1100 ed i 2000 metri).

Il Commissariato del Governo di Bolzano ha armonizzato, nell’ambito del costituito Centro Operativo Misto, le attività delle Forze dell’Ordine, della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, della Croce Rossa Italiana e del 118, con la supervisione del Comando Forze Operative Nord dell’Esercito di Padova.

Presso il centro comunale di accoglienza per la popolazione evacuata, che ha visto la presenza di alcune decine di residenti della zona rossa, è stato allestito il punto informativo di reggimento che ha ottenuto ampio successo con l’illustrazione della “duale valenza” dei reparti del Genio, relativamente alle attività di soccorso condotte in occasione di pubbliche calamità, emergenze e di operazioni complesse per la neutralizzazione di ordigni residuati bellici.

 

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.