Richiedenti asilo: "mercato nero” con i farmaci pagati da Cinformi?

farmaci

Le regole chiare sulle quali poggia l'accoglienza dei migranti e dei richiedenti asilo approvate 

in Giunta nella seduta del 20 gennaio 2017, secondo il cons. Claudio Cia di Agire, mostrano fin da subito la loro mancanza di visione, una incompleta aderenza alla realtà della situazione vera dei richiedenti asilo e la pochezza culturale della tanto sbandierata solidarietà del centro sinistra.

Cia evidenzia una contradizione: se un ospite consuma super alcolici nell'alloggio che lo ospita, e viene “beccato” per 4 volte di seguito nella reiterazione del comportamento, si avvia la procedura di riduzione dei benefici fino all'espulsione; l’assurdo, per l’esponente di Agire, è che questi super alcolici, causa di tanti problemi nelle strutture d’accoglienza e anche fuori, sono acquistati usando buoni spesa o la tessera Poket Money forniti dallo stesso Cinformi

Al contrario, fatto curioso per il consigliere, è scoprire che quando l’ospitato deve comprare farmaci, così detti da banco, un'aspirina, una tachipirina, una crema base, shampi, ecc… questi vengono fatturati e pagati a parte direttamente da Cinformi al di fuori del Pocket Money o dei Buoni spesa, come, ricorda Cia, non succede ai nostri anziani che invece si pagano personalmente il tutto attingendo alla loro, magari, pensione minima.

Questo, per il consigliere, è oltremodo negativo se si considera che per i richiedenti asilo questi prodotti farmaceutici, facili da ottenere, non di rado costituiscono fonte di reddito illecito attraverso il "mercato nero" degli stessi.

Cons. Claudio Cia

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.