Generazione Smartphone

Facebook

Negli ultimi decenni la tecnologia ha fatto passi da gigante, 

ideando e realizzando oggetti, strumenti, apparecchi sofisticatissimi.

Certamente  tutti ricordano i primi “cellulari”, apparecchi ingombranti, fatti di due pezzi, uno dei quali andava portato con una tracolla  a mò di  borsa.

E apparecchi costosissimi, milioni di lire dell’epoca; e destavano tanta curiosità i pochi che, potendoseli permettere, li esibivano come status simbol.

Pochi decenni fa, alla fine del secolo scorso (come mi suona strano parlare di secolo scorso, mi fa sentire arcaico…); ma il progresso incalzava, i cellulari diventavano sempre più piccoli e maneggevoli, cambiava anche il sistema di funzionamento, passando dagli Etacs ai Gsm, con l’introduzione delle schede SIM.

E con la riduzione delle dimensioni, si riducevano anche i costi, e sempre più persone si facevano tentare dalla possibilità di avere sempre a portata di mano un telefono e rendersi indipendenti da cabine telefoniche, telefoni a gettone e a scheda.

E col miglioramento tecnologico venivano fuori suonerie polifoniche   e le prime fotocamere su cellulare.

A questo punto mancava solo una cosa.

Avere a disposizione un computer portatile, “portatillissimo” direi, di pochi centimetri di dimensioni e di peso contenuto, capace di navigare in Internet e di scambiare materiale multimediale.

I nuovi cellulari  potevano riproporre le stesse funzioni dei personal computer con una maneggevolezza senza pari.

Arriviamo così agli Smartphone , sui quali è possibile scaricare una serie di software agilissimi, in grado di fare tutto : le APP.

E fra queste, Whatsapp e soprattutto, Facebook!

Il punto esclamativo è d’obbligo, avendo ormai Facebook una diffusione mondiale incredibile, forse più di un miliardo di utenti…

I risultati sono sotto gli occhi di tutti: per strada, al ristorante, sulle panchine, camminando, camminando, tantissime persone vanno in giro con lo Smartphone in mano, poggiato sulla mano, e con gli occhi fissi, sbirciando e digitando contemporaneamente.

E non solo i ragazzi, ma i bambini...,

Gli adulti e gli anziani, uomini e donne, una vera e propria epidemia; a ben guardare questa abitudine si rivela deleteria per i rapporti sociali, dal momento che porta all’isolamento.

Molti preferiscono scambiarsi messaggi, SMS, Whatsapp e post su Facebook, pur potendosi vedere di persone e parlare.

E si potrebbe anche tirare in ballo l’educazione .

Ma vi sembra logico che i convitati seduti allo stesso tavolo per pranzare insieme, si isolino con gli Smartphone in mano?

E poi, approfittando della funzione fotocamera, che si concretizza con un numero crescente di “megapixel”, si sente il bisogno di immortalare ogni minimo aspetto della propria giornata o di fare i “selfie”, foto cioè fatte a sé stessi insieme ad amici o personaggi più o meno famosi.

Per non parlare degli usi deviati delle fotocamere, usate per immortalare atti di violenza o di bullismo.

E poi, gli Smartphone in mano ai bambini, per dare il colpo definitivo alla abitudine ormai scomparsa di leggere e alla socializzazione vera, non quella mediata da un social network.

Ma allora, direte, ne penso tutto il male possibile?

No, certamente no.

Anche io ho il mio bravo Smartphone e ci vado in Internet e consulto Facebook, e scarico la posta elettronica; semplicemente cerco di non farmi travolgere, perché pure a me è capitato di sedermi a tavola e di tirare fuori il cellulare, smanettandoci…

Quando la mia consorte (anche lei dotata di Smartphone) me lo ha fatto notare, mi sono un po’ vergognato e ho smesso .

Ah, dimenticavo un aspetto.

Vengono fuori in continuazione nuovi modelli sempre più performanti e costosi, molte persone li comprano, magari a rate, per sé o per i figli,  ma i gestori di telefonia mobile, subdolamente, legano l’acquisto di questi modelli nuovi alla stipula di un contratto, per cui si entra subito in possesso del nuovo oggetto del desiderio, e si comincia un vassallaggio perpetuo col gestore di turno.

Giudizio globale?

Certamente positivo, ma non bisogna farsene travolgere, e ricordate che, in fondo, in fondo in fondo, servono “anche” per telefonare…

Bigio Ciardiello

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.