Il due di novembre

la morte

I morti

La tradizione ha origini molto antiche la si può scorgere ancora ai tempi dei romani e in alcuni momenti storici non mancò di mescolarsi a riti celtici non senza opposizione da parte di madre romana chiesa che per contrastarli nell’anno 835 D.C decretò il 1° Novembre festa di tutti i santi.

Le usanze legate a tale tradizione nel nostro paese variano da Regione in Regione fermo restando che halloween storicamente non ci appartiene e che soltanto negli ultimi anni è divenuta (consapevolmente o meno del significato celatovi …) una sorta di pretesto per i giovanissimi per potere fare festa e socializzare nascondendo il vero IO dietro una maschera da brutta strega o da orripilante zombie.

Naturalmente sto parlando della ricorrenza dei morti.

Il 2 di novembre, come usanza cristiana vuole, le genti si portano nei cimiteri in visita ai cari estinti, prendono con sé stracci per pulire e lucidare, fiori e lumini per abbellire loculi e tombe e come tutti gli anni fanno sì  che  prenda vita(si fa per dire…) questa tradizionale ricorrenza che aspira ad avvicinare nella reminiscenza il mondo dei vivi a quello dei morti.

Tale triste tradizione commemorativa risulta essere carica di emozioni, ricordi e qualche volta monologhi interiori come da copione di un caro vecchio romanzo psicologico o ancora satura di angoscia come in un malinconico affresco d’autore in particolare modo nei cuori di chi ha perso, specie di recente, i propri cari estinti e rammenta a tutti in senso lato la reale condizione dell’uomo.

Anche le scolaresche in alcuni paesi, come vogliosi dimostrare in trentino, vengono coinvolte in tale rito con lo scopo di educare i bambini al rispetto dei defunti e a non dimenticarsi dei loro avi passati a miglior vita.

 In Sicilia una tradizione popolare, pagana vuole che la notte tra l’uno ed il due novembre, si faccia credere ai bambini che i morti, in tale data, portino loro doni e dolci… Motivo per cui quella sera i cuccioli umani vanno a letto presto, sicuri che tra pupe di zucchero, frutti di pasta reale, biscotti dei morti e muffulette (pagnotta di pane condita con acciughe …) la ricca colazione della mattina del due novembre sarà loro riccamente assicurata; un’ultima curiosità  i palermitani chiamano tale ricorrenza: “ La festa dei morti! “ Un po’ lucubra la storia seppure vera!

Però, quella volta in cui venne ispirato a scrivere questa bellissima poesia di cui vi sto per parlare al nostro attore carissimo Antonio De Curtis (in arte Totò) avvenne qualcosa di davvero sconvolgente  che  per come avrebbe versato Leopardi nel suo “Infinito”: ” Ove per poco il cor non si spaura… “.

Ma leggiamo, così per meglio capire, che cosa egli ci narra:

Era l’imbrunire e gli ultimi ritardatari si affrettavano ad uscire dal cimitero a differenza del caro Totò che venne letteralmente rapito da un filo conduttore di carattere emozionalmente suggestivo che lo compendio a modi epitome distillato all'interno del camposanto oramai chiuso...

Quello che i suoi occhi (di fantasia…)  videro o per lo meno credettero di vedere fu davvero incredibilmente spaventoso, due defunti di diverso rango  litigavano a causa della loro locazione in appropriatamente ravvicinata… da lì prese spunto e nacque la famosissima e bellissima poesia: “ ‘A Livella ” questo strumento usato nel campo dell’edilizia per livellare le superfici utilizzato dall’attore come metafora di uguaglianza sociale, una lirica ricca di significato che si pone l’obiettivo di spiegare  all’uomo come lo stesso di fronte alla morte sia interamente denudato da titoli, onorificenze, ricchezze e averi per entrare nel serio mondo dei morti così nudo e crudo in altre parole: «Come mamma sua lo ha fatto! »

Ma eccovi cari lettori di edico-lando.it il testo della livella da leggere, emozionarvi, godere di buona letteratura condita con l’ironia del grande Totò che riesce egregiamente a scongiurare la paura della morte prendendosene, seppure con rispetto, giocoso e che dirvi ancora? 

Buona lettura a tutti!

Maria Rosa Rosato

 

'A livella

Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al cimitero.
Ognuno ll'adda fa' chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con i fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' vicenza.

St'anno m'è capitata 'n'avventura...
Dopo di aver compiuto il triste omaggio
(madonna), si ce penzo, che paura!
Ma po' facette un'anema 'e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
S'avvicinava ll'ora d' 'a chiusura:
Io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31."

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
... sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce steva n'ata tomba piccerella
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, solamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena si liggeva:
"Esposito Gennaro netturbino".
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pure all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i' rummanette 'chiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
 

Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje; stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato ... dormo, o è fantasia?

Ate che' fantasia; era 'o marchese:
C' 'o tubbo, 'a caramella e c' 'o pastrano;
chill'ato appriesso' a isso un brutto arnese:
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

 E chillo certamente è don gennaro...
'O muorto puveriello... 'o scupatore.
'int' a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
So' muorte e se retireno a chest'ora?

Putevano stà 'a me quase 'nu palmo,
quando 'o marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e, tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don gennaro: "giovanotto!

Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato?!

La casta e casta e va, si, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor marchese, nun è colpa mia,
i' nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie b stata a ffa' sta fessaria,
i' che putevo fa' si ero muorto'?

Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse,
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa."

"E cosa aspetti, oh turpe macreato,
che 1'ira mia raggiunga 1'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei gih dato piglio alla violenza!"

"Famne vedé... piglia sta violenza...
'a verità, marché', mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so' mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuò capì, ca simmo eguale?...
... Morto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale."

"Lurido porco!... come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a principi reali?"

"Tu qua' natale ... pasca e ppifania!!
F t' 'o vvuo' mettere 'ncapo... 'int' 'a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched'e".... e una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt' 'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme
tu nun t'he fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!.

 

Antonio de Curtis - Totò

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.