La sfuggente ambiguità dei divieti di sosta

La sfuggente ambiguità dei divieti disosta

LEVICO TERME - In occasione della festa del Santissimo Redentore a cominciare dalle 5 di mattina del 17 luglio scorso e fino alle 12 del giorno dopo sono stati vietati i parcheggi lungo le vie Battisti, Trieste, A. Avancini, Polentone, Cavour, Slucca, G. Avancini, viale Rovigo e piazza Venezia, nelle quali lunedì mattina si è proceduto alla pulizia dei residui della festa.

La cosa curiosa che riguarda soprattutto via A. Avancini e che ha suscitato la perplessità di più di un residente è che in quella via esiste già un divieto di parcheggio su entrambi i lati con tanto di carro attrezzi stilizzato a minacciare la rimozione forzata. Divieto del tutto ignorato dai residenti che del resto non sono mai stati sanzionati.

A mo di esercizio interpretativo delle norme e dei segnali stradali voglio qui cogliere quella sfuggente ambiguità che spesso si riscontra in questo macchinoso tentativo di dialogo Pubblico/Privato che qualche domanda la suscita.

Qualcuno si è chiesto se dovrà rispettare il cartello fotocopia esposto in occasione della festa patronale o ignorarlo come ha sempre fatto per il ben più autorevole segnale verticale? Nessuno se l'è sentita però di provare a lasciare l'auto in divieto di sosta (col nuovo divieto di sosta) ed è mancata l'occasione per capire dall'esperienza se certi segnali stradali abbiano un senso oppure no.

La domanda dunque rimane, che senso hanno i segnali di divieto in via A. Avancini e perché se un senso ce l'hanno si è ritenuto di ribadirli?

Se qualcuno ha voglia di cercare una risposta e gentilmente volesse mettere questo suo tentativo a disposizione dei lettori di edico-lando.it, fin d'ora conti sulla nostra personale gratitudine.

 Edico-lando.it BLOG si parla di:

Satira vignette politica cronaca benessere cultura sport donne disoccupati arte

 e molto altro...

P.IVA 02187530221 - Tutto il materiale publicato su questo BLOG è coperto da copyright.

Per l'utilizzo è sufficiente citare la fonte e comunicarlo al seguente indirizzo franco.zadra@edico-lando.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.